RubricaRubrica Cerca nel sitoCerca nel sito ModulisticaModulistica WebmailWebmail
Il Dipartimento sui social: Seguici su Facebook Seguici su Facebook Seguici su Youtube

Contenuti pagina [0] | Menù [1] | Copyright e credits [2]

Dipartimento di Fisica

Sei in »» » Laurea Triennale in Fisica » Tirocini Didattici

Studio delle proprietÓ elettroniche di sistemi bidimensionali mediante spettroscopia di fotoemissione

  1. Dati del tirocinio

    Soggetto ospitante: UniversitÓ della Calabria

    Luogo: Fisica Quantistica della Materia, Dipartimento di Fisica, Cubo 33C

    Docente - Tutor accademico: Daniela PacilŔ

    Contatto: daniela.pacile@fis.unical.it

    Periodo: a scelta dello studente, nel periodo luglio/dicembre 2016

    CFU: 5 CFU, corrispondenti a 125 ore di impegno totale

  2. Obiettivi formativi:

    Fornire allo studente gli strumenti basilari per comprendere uno spettro di fotoemissione di un sistema bidimensionale, estraendo da esso, mediante tecniche di analisi dati, alcune informazioni rilevanti nello studio degli stati elettronici di superficie. Lo studente verrà inoltre avviato al confronto tra dati sperimentali di strutture elettroniche a bande e modelli teorici riportati in letteratura.

  3. Contenuti e programma:

    Lo studente sarà avviato ad una tipica esperienza di ricerca in un ambito specifico della fisica delle superfici. A partire da una panoramica generale, che spazia dalla metodologia utilizzata per acquisire e trattare dati di fotoemissione, al confronto con modelli teorici per estrarre le informazioni sul sistema, lo studente si focalizzerà su un aspetto di suo interesse. La tematica di ricerca, nell’ambito della quale studente e docente concorderanno un aspetto da sviluppare come argomento del tirocinio, riguarda lo studio di proprietà elettroniche e magnetiche di materiali funzionali, vale a dire composti con proprietà di interesse tecnologico e applicativo, tra i quali il grafene e suoi derivati. Le principali tecniche sperimentali utilizzate nell’ambito di tali ricerche fanno uso di luce di sincrotrone come sonda per investigare gli stati elettronici di superficie.

Archivio